L’ape Giovannina

Giovannina adora giocare ad essere un’ape.
E’ una bambina che sfugge, ma se vuoi tirarle fuori le parole più sincere, puoi andare a parlarle mentre gioca tra i fiori, mimetizzandoti con lei nel campo che c’è dietro casa sua.
A Giovannina il sapore del miele risulta stomachevole, ma se le ricordi chi lo produce, lei lo manda giù con la soddisfazione di un capitano d’industria che assapora il frutto del lavoro dei propri operai.

All’inizio la madre era molto preoccupata di questa pericolosa attrazione della figlia per le api; temeva infatti che si potesse spingere fino a cercare gli alveari, finendo per essere punta da uno sciame inferocito. E invece Giovannina è sempre riuscita a fare i movimenti giusti e a farsi tollerare – con le sue storie – dalle api tra quei fiori.

Questo gioco bellissimo si è però svolto solo dalla primavera all’estate del 1918.
Un giorno poi a casa di Giovannina è arrivato l’inverno ed è durato per sempre.

Da quella stagione, la bambina ha atteso l’arrivo delle api da una finestra che i genitori hanno provveduto a costellare di fiori. Non è come sdraiarsi nel campo – certo- ma è comunque l’unica cosa che riesca a strappare un sorriso agli occhi di Giovannina. Quegli occhi dolci come il miele, ma che riescono a trafiggerti come un pungiglione avvelenato di tristezza.

imag0517-01

 

Non è come riuscire a salvare Giovannina dalle braccia dell’inverno – certo – ma una finestra consente ai genitori di sognare che basti allungarsi un po’ per stringere tra le mani, ancora una volta, quel viso così perfetto e rotondo. E nelle giornate di sole, posando le proprie labbra su quella fronte spaziosa, la madre di Giovannina ha sentito per anni chiaro il sapore del polline. Il sapore di qualcosa che non ha fatto in tempo a diventare un fiore.

Ispirato liberamente da un incontro casuale con Giovannina Rosati (1916-1919), Cimitero Centrale “San Decenzio” di Pesaro (PU)

Annunci

One thought on “L’ape Giovannina

  1. Ma è bellissimo, un blog trovato del tutto per caso (eh perché ormai con Facebook i blog non sono più mainstream) è riuscito a farmi sudare gli occhi. Complimenti per come scrivi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...